CONSERVATIVA

 La conservativa è la branca dell’Odontoiatria che si interessa di ricostruire i denti rovinati dalla carie o dai traumi.

 carie      trauma

   CARIE

La carie si presenta come una demineralizzazione della superficie del dente: può presentarsi come una alterazione del colore dello smalto (alone grigio), un puntino scuro, un vero e proprio foro, o una grande cavità, a seconda dello stadio di avanzamento della malattia.

 

 carie + fori             carie singola

Sintomi: Durante le fasi iniziali la carie può non dare alcun sintomo; frequentemente il dente colpito può diventare ipersensibile, con dolori stimolati dal freddo o da alcuni cibi particolarmente acidi (per es. agrumi, pomodori), ma anche da cioccolato e dolciumi.

 

 agrumi

Nelle fasi successive il dolore può essere costante e la masticazione sul dente cariato può risultare impossibile. Individui a rischio: tutte le persone sono esposte al rischio della carie a causa della presenza della flora batterica all’interno della bocca, responsabile principale della formazione delle carie.

I bambini con una scarsa manualità, che puliscono i denti senza l’aiuto dei genitori, non riescono a rimuovere tutta la placca batterica e sono più soggetti al rischio di carie; anche gli adolescenti, di solito meno motivati degli adulti, presentano maggiori quantità di placca, e di conseguenza, un rischio di carie più elevato.

bimbo + spazzolino 

Altra categoria a rischio sono gli anziani, nei quali i denti usurati e/o già colpiti da malattie di varia natura, offrono superfici più deboli nei confronti dell’attacco batterico.

Fattori predisponenti: esistono batteri specifici che producono grandi quantità di acidi e sono in grado di intaccare facilmente la superficie dello smalto, demineralizzandola.

 streptococcus mutans

L’assunzione di alimenti ricchi di carboidrati (primo fra tutti lo zucchero) fornisce ai batteri il nutrimento per produrre gli acidi nocivi.

 dolciumi

La placca batterica presente in grande quantità (scarsa igiene orale) facilità la costituzione di molti strati di batteri cariogeni, moltiplicandone la capacità distruttiva.

 denti con placca

Le carie si identificano con una visita di controllo dall’odontoiatra. Le carie poco visibili, come quelle sulle superfici fra un dente e l’altro, possono essere identificate con delle piccole radiografie mirate.

x ray carie 

La carie può essere particolarmente aggressiva e può colpire varie superfici del dente, come le zone del “colletto”, sul margine cervicale, quasi sotto la gengiva.

 carie rampante

Dopo aver effettuato la diagnosi e rilevato tutte le carie presenti in bocca bisogna attuare la terapia più adatta e mettere in pratica le misure preventive per evitare che il problema si ripresenti:

 TRAUMI

Diversi eventi traumatici possono causare la rottura del dente. Qualora la frattura interessi la radice non c’è possibilità di salvare il dente e la radice deve essere estratta; nel caso della frattura della corona del dente, questa può essere ricostruita con metodi conservativi se le superfici integre residue sono abbastanza estese.

 frattura + rx          piccole fratture

Se dopo il trauma i frammenti di dente staccati vengono recuperati, devono essere conservati adeguatamente per poter essere “incollati” nella loro posizione originale.

La conservazione adeguata consiste in una pulizia con semplice acqua corrente e l’immersione del pezzo nel latte, o meglio nella saliva stessa del paziente; non vanno usate sostanze alcoliche o potenti disinfettanti.

Meno tempo intercorre fra il trauma e l’’intervento dell’odontoiatra, più facilmente l’intervento avrà buon esito. E’ buona norma eseguire immediatamente una radiografia di controllo per valutare l’integrità della radice e/o la presenza di lesioni  nell’osso che circonda la radice.

Se i frammenti staccati dal trauma non sono recuperabili, la ricostruzione del dente avverrà con gli stessi materiali che vengono utilizzati per ricostruire i denti colpiti da carie.